RISERVA REGIONALE OASI WWF GUARDIAREGIA-CAMPOCHIARO

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

L’Oasi WWF Guardiaregia-Campochiaro si trova in Molise e si estende per 3.135 ettari. Nel suo territorio si possono ammirare spettacolari fenomeni carsici, come il Canyon del torrente Quirino, la cascata di San Nicola (salto di 100m), le grotte di Pozzo della Neve (profondità – 1.048 m) e Cul di Bove (profondità – 913 m) che sono fra i più profondi abissi d’Europa.

Le Gole del Torrente Quirino, a ridosso del paese di Guardiaregia, formano una stretta e profonda incisione nel terreno. Nei pressi del paese il canyon riceve il torrente Vallone Grande attraverso la spettacolare cascata di San Nicola. La cascata, con un salto di circa 100 metri, ha è stagionale ed nei mesi estivi di luglio e agosto resta senz’acqua.

I prati di Monte Mutria, soprattutto in primavera, sono ricchissimi di spettacolari fioriture: Crocus, Garofano selvatico e soprattutto, la Soldanella alpina, l’Androsace villosa, e la Primula auricola. Inoltre, in diverse zone dell’Oasi è possibile osservare altre importanti fioriture come il Sigillo di Salomone, il Giglio di San Giovanni, l’Aquilegia vulgaris, l’Anemone dell’appennino, l’Hepatica nobilis, la Belladonna e 38 specie di orchidee spontanee.

Il lupo, incontrastato signore dell’area protetta, viene avvistato soprattutto lungo i sentieri forestali alla quote più basse di Monte Mutria. Si possono incontrare anche il Gatto selvatico, il Tasso, lo Scoiattolo, il Cinghiale e il Capriolo.

Una presenza importante per la ricchezza d’acqua in gran parte dell’anno sono gli anfibi, tra cui la rara Salamandrina dagli occhiali, simbolo della Riserva. Nel sottobosco della faggeta si incontra la grande Salamandra pezzata e in primavera la Rana dalmatina. Tra i rettili la Natrice dal collare ed il Saettone occhi rossi.

Si può avvistare l’Aquila reale in volo sulle faggete alla ricerca di prede, o il rarissimo Lanario nelle gole del Quirino; e inoltre il Falco pellegrino, il Falco pecchiaiolo, il Nibbio reale e la Poiana. Sui costoni del Mutria sono presenti il Gracchio alpino, il Corvo imperiale, il Picchio rosso maggiore, il Picchio verde e il Picchio muratore; il caratteristico Merlo acquaiolo predilige le fredde acque dei torrenti San Nicola e Rio Vivo.

Nell’area protetta, sono state censite circa 340 specie di farfalle tra notturne e diurne.

L’Oasi WWF è  Zona di Protezione Speciale (ZPS IT222296) e si trova all’interno di un Sito d’Importanza Comunitaria (SIC IT222287) nei Comuni di Guardiaregia e Campochiaro in provincia di Campobasso.

VISITA IL SITO DELL'OASI